Home

  Sunday 31 May 2020
Confindustria chiama a raccolta i parlamentari per sollecitarli su tre problemi

C.S. n. 59

Comunicato stampa, Cuneo, 22/10/2015

con preghiera di cortese pubblicazione e/o diffusione


Confindustria chiama a raccolta i parlamentari per sollecitarli su tre problemi

Venerdì 30 ottobre alle ore 15 a Cuneo si parlerà del completamento dell'Asti-Cuneo, del disegno di legge sul consumo del suolo e delle agevolazioni per l'alluvione del '94


Venerdì 30 ottobre alle ore 15, presso la sede di Confindustria a Cuneo (corso Dante 51), il presidente dell’Unione Industriale della Provincia, Franco Biraghi, ha chiamato a raccolta tutti i parlamentari cuneesi al fine di individuare una comune linea d’azione su alcune tematiche urgenti e fondamentali per l’economia del territorio provinciale e non solo. Nello specifico, Confindustria Cuneo chiede a viva voce ai senatori e agli onorevoli eletti con i voti dei cuneesi un apporto costruttivo e la collaborazione per cercare di risolvere almeno tre grandi problemi che riguardano non soltanto le aziende associate, ma tutta quanta la popolazione provinciale: il completamento dell’autostrada Asti-Cuneo, il disegno di legge sul contenimento del consumo del suolo e le agevolazioni per l’alluvione del novembre 1994.

“È indispensabile che i nostri rappresentanti politici si facciano carico in prima persona di problematiche che da troppo tempo opprimono la provincia di Cuneo e sulle quali, nonostante le dichiarazioni di appoggio pervenuteci da ambo gli schieramenti politici, nulla si stia muovendo – scrive il numero uno degli industriali cuneesi nella lettera di invito a indirizzata a senatori e onorevoli -. Prima fra tutte viene la vicenda dell’Autostrada A33 Asti-Cuneo, ancora incompiuta, e del vergognoso regime di monopolio di cui godono i concessionari autostradali, che consente guadagni spropositati sulle spalle dei cittadini e delle aziende”.
“Un ulteriore attentato alla nostra economia – continua - verrà dal disegno di legge sul contenimento del consumo del suolo che, se approvato nella versione proposta dalle Commissioni riunite Ambiente, Territorio e Lavori pubblici della Camera, determinerà la paralisi di ogni attività edilizia per i prossimi tre anni, compromettendo il rilancio delle attività economiche, incidendo anche pesantemente sui bilanci dei Comuni”.
“Non meno importante – conclude -, è il problema relativo alle agevolazioni concesse in Italia alle imprese situate in aree colpite da calamità naturali tra il 1990 e il 2009, tra cui l’alluvione in Piemonte del novembre 1994, per il quale occorre farsi promotori di un intervento legislativo affinché i benefici confermati dalla Commissione Europea alle imprese che hanno già concluso positivamente l’iter processuale e ottenuto i rimborsi richiesti, vengano estesi a tutte le aziende colpite dalla calamità che hanno i contenziosi pendenti e non hanno ancora ottenuto una sentenza passata in giudicato che gli riconosca il medesimo diritto”.


CONFINDUSTRIA CUNEO - Corso Dante, 51 - Cuneo - Tel. 0171 455.455 - Fax. 0171 697.544 - E-mail: uic@uicuneo.it- PEC: uicuneo@pecstudio.it|   Disclaimer   |   Privacy   |   ©2008